Salta la barra di navigazione

Biblioteca Comunale "Renato Fucini" - Empoli | Home page | Indice alfabetico | Mappa del sito | Cerca sul sito |
Fondo antico Fondi speciali Sezione locale Sezione Ragazzi Sezione multimediale Sezione multiculturale Giornali e riviste

> Fondo antico > Costituzione > Fondo Antonio Salvagnoli Marchetti

Fondo Antonio Salvagnoli Marchetti

Antonio Salvagnoli Marchetti discende da una delle più antiche famiglie di Empoli: la famiglia Salvagnoli. Originari di Corniola, "un paesello di poche case sopra una amena collina nei dintorni di Empoli", i Salvagnoli alla morte di Isabella Marchetti, moglie di Niccolò Salvagnoli, ne assunsero, come eredi, il nome.
Antonio Salvagnoli Marchetti era nato il 13 agosto 1810 ed era il terzo dei figli del dottor Cosimo che fece parte della Deputazione della Comunità di Empoli per rendere omaggio nel 1791 al granduca di Lorena Ferdinando III.
Antonio si laureò in medicina, e condusse una vita da studioso, pur seguendo il fratello Vincenzo nelle lotte e nelle cure politiche. Fu deputato a Empoli e per la sua attività nei pubblici uffici e per il sincero amore per la patria fu nominato senatore del Regno.
Autorevole membro dei Georgofili, fu nominato dallo stesso governo a capo di una commissione sanitaria incaricata di studiare le condizioni igieniche della provincia grossetana e pubblicò in quella occasione una "Statistica medica delle Maremme toscane".
Appassionato di scienze naturali, nel 1835 scoprì e descrisse un ragno velenoso che volle fosse chiamato Aranea Savi, in omaggio al suo amico Paolo Savi, illustre naturalista.
Numerose sono le sue pubblicazioni soprattutto di statistica e scienze economiche. Molti altri suoi lavori scientifici giacciono inediti nell'archivio di famiglia. Il 28 luglio 1878 morì a soli 67 anni e fu seppellito nel Cimitero della Misericordia.
Lasciò gran parte della ricca biblioteca di famiglia, consistente in 2500 volumi, alla Biblioteca comunale di Empoli.

Il fondo librario è stato interamente catalogato tra il 2000 e il 2002 grazie all'impiego delle risorse statali e regionali provenienti dall'Accordo di Programma quadro per la valorizzazione dei beni culturali.
Le edizioni cinquecentesche di questo fondo sono descritte nel Catalogo delle edizioni del Cinquecento, che presenta la riproduzione digitale dei frontespizi, delle marche tipografiche, delle note manoscritte e degli ex-libris.

URL: http://www.comune.empoli.fi.it/biblioteca/fondi/antico/fondo_salvagnoli.htm
Data creazione: 1999-08-16. Data ultimo aggiornamento: 2003-08-20. Webmaster

Valid XHTML 1.0!