8° Censimento generale dell'industria
e dei servizi

Questionari
consegnati

 Mancata consegna

 Non presidiata

 Cessata

Trasferita

Sconosciuta

 4170

 68

284

237

1477
   

 unità locali

Imprese

Istituzioni

 Imprese*

Istituzioni**

Industria

Commercio

Altri Servizi

sede unica

sede centrale

sede unica

 sede centrale

 N.

Addetti

 N.

 Addetti

 N.

 Addetti

 N.

Addetti

 828

5186

1292

3534

1898

6294

152

1726

3473

240

112

13
 

A differenza delle Istituzioni censite dieci anni fa, (134 unità), che sono aumentate oggi di oltre il 14%, le imprese risultano, dai dati scaturiti dall'ultimo rilevamento, in diminuzione: dalle 4236 imprese censite siamo passati ad un valore che supera di poco le 3000 unità. Ma va sottolineato che il criterio di conteggio è cambiato. Infatti nel Censimento del 22 ottobre 2001 sono state conteggiate soltanto le unità locali, siano esse sedi uniche che sedi centrali, senza includere, come era avvenuto nel 1991, quelle unità, che pur facendo parte di realtà aziendali empolesi, sono localizzate al di fuori del territorio empolese.
Per quanto concerne il numero degli addetti (personale dipendente e indipendenti***), rispetto al 1991 l'aumento più significativo riguarda proprio quel settore che sta subendo continui cambiamenti: il terziario, passando da 8015 a 9928(3534 addetti del Commercio più 6294 addetti in Altri Servizi). Gli addetti nelle Istituzioni invece risultano calati, così come nell'industria.

*IMPRESE: le unità giuridico economiche che producono beni e servizi destinabili alla vendita e che, in base alle leggi vigenti o a proprie norme statutarie, hanno facoltà di distribuire i profitti ai soggetti proprietari, siano essi pubblici o privati. Sono considerate inprese anche i lavoratori autonomi ed i liberi professionisti.
**ISTITUZIONI PUBBLICHE: le unità giuridico economiche la cui funzione principale è quella di produrre beni e servizi non destinabili alla vendita e/o di redistribuire il reddito e la ricchezza e le cui risorse principali sono costituite da prelevamenti obbligatori effettuati presso le famiglie, le omprese e le istituzioni nonprofit o da trasferimenti a fondo perduto ricevuti da altre istituzioni dell'amministrazione pubblica.
**ISTITUZIONI NONPROFIT PRIVATE O PUBBLICHE: le unità giuridico economiche, dotate o meno di personalità giuridica, di natura pubblica o privata, che producono beni e servizi destinabili o non destinabili alla vendita e che, in base alle leggi vigenti o a proprie norme statutarie, non hanno facoltà di distribuire, anche indirettamente, profitti o altri guadagni diversi dalla remunerazione del lavoro ai soggetti che le hanno istituite o ai soci.
***INDIPENDENTI: sono considerati lavoratori indipendenti i titolari, soci e amministratori dell imprese o istituzioni.