Dopo l'inizio dell'attacco militare all'Iraq

COMUNICATO STAMPA

Empoli, 20 marzo 2003

A partire da oggi, Sindaco, Giunta e consiglieri comunali a disposizione della cittadinanza. Bandiere comunali e gonfalone listati a lutto. Un conto corrente per le popolazioni del Medio Oriente. Rinviati i Consigli Comunali di domani sera e lunedì 24 marzo, sospesa la normale attività del Consiglio.

A seguito dell'attacco militare all'Iraq, il Comune di Empoli resterà aperto tutti i giorni fino a mezzanotte. Sindaco, assessori e consiglieri comunali saranno a disposizione dei cittadini. I locali del Comune resteranno aperti come luogo di incontro e discussione, per ribadire la richiesta di immediato stop alla guerra.

Da questa mattina, le bandiere comunali esposte dagli uffici pubblici e il gonfalone sono listati a lutto.

La normale attività del Consiglio è temporaneamente sospesa. I Consigli Comunali già convocati per domani, venerdì 21, e lunedì 24 marzo sono rinviati a data da destinarsi.

Nel corso della riunione congiunta di questa sera, il Comune di Empoli lancerà ufficialmente una nuova iniziativa per il Medio-Oriente: una raccolta di fondi per assicurare sostegno e aiuto alle popolazioni colpite dalle conseguenze dell'attacco militare in atto. Per la raccolta di fondi è stato aperto un conto corrente: c/c 3025004/7 intestato a "Comune di Empoli, raccolta fondi per il Medio Oriente" presso la Banca di Credito Cooperativo di Cambiano, via Chiarugi, 4, Empoli. L'iniziativa sarà inserita nel progetto "Pre-occupiamoci del mondo" e sarà collegata a quella della Regione Toscana, "Segni di vita, segnali di pace", lanciata dal presidente della Giunta regionale, Claudio Martini.