Gino Strada e Teresa Sarti domani a Empoli

COMUNICATO STAMPA

Empoli, 18 dicembre 2003

Una mostra sulla Sierra Leone e l'inaugurazione della sede di Emergency
Gino Strada e Teresa Sarti domani a Empoli
Il fondatore di Emergency e la moglie presenteranno "Dai diamanti non nasce niente"
Nel pomeriggio, l'inaugurazione della nuova sede del gruppo Emergency di Empoli
In serata, l'incontro con i cittadini al cinema La Perla

Gino Strada e Teresa Sarti saranno domani a Empoli per una serie di appuntamenti pubblici. Il fondatore di Emergency, al quale è stata conferita la cittadinanza onoraria nel 2001, e la moglie, presidente di Emergency, saranno impegnati al mattino nella presentazione di "Sierra Leone. Dai diamanti non nasce niente", una galleria di immagini sulla Sierra Leone inserita in una più ampia mostra dal titolo "Guerre e popolazione civile: la memoria e il presente", all'ex Convento degli Agostiniani, in via de' Neri 15 (fino all'11 gennaio 2004). La sezione dedicata alla Sierra Leone è una galleria fotografica di Gi.Bi. Peluffo, realizzata da Emergency grazie al contributo dei Comuni di Empoli, Capraia e Limite, Castelfiorentino, Certaldo, Gambassi Terme. Con Emergency, il Comune di Empoli ha contributo alla costruzione dell'ospedale di Goderich in Sierra Leone: la galleria fotografica offrirà una esauriente rassegna sull'attività dell'ospedale, sul quale Emergency ha posto anche una targa dedicata al Comune di Empoli. Alle 12.30 è in programma una conferenza stampa.

Nel pomeriggio, alle 18, Gino Strada e Teresa Sarti si sposteranno in via Ridolfi al numero 146, nel cuore del centro storico empolese, per l'inaugurazione della sede di Emergency. Il gruppo empolese di Emergency è attivo dal novembre 2000 e conta una cinquantina di iscritti, in gran parte giovani.

Domani sera, infine, alle 21.30, i fondatori di Emergency incontreranno, con il Sindaco Vittorio Bugli, i cittadini al cinema La Perla, in via de' Neri, dove quasi due anni fa, il 16 gennaio 2002, Gino Strada fu insignito della cittadinanza onoraria e ricevette il Sant'Andrea d'Oro.