Accoglienza e inclusione nella rete Sai, esperienze a confronto

Il 16 giugno a Empoli evento con Biffoni, Ciuoffo, Nardini, Barnini, terzo settore

.

Al netto delle scelte del governo centrale sul tema dell'immigrazione, nei territori le amministrazioni comunali e il terzo settore continuano a lavorare per l'inclusione e l'integrazione dei cittadini di paesi terzi (richiedenti asilo, rifugiati, minori) accolti nei progetti Sai, la rete degli enti locali che utilizza le risorse del Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell'asilo. Si tratta di esperienze concrete, che hanno ottenuto risultati importanti: e di questo si parlerà il 16 giugno al Palazzo delle Esposizioni di Empoli, in un evento che al mattino racconterà esperienze e buone pratiche toscane e nazionali, mentre nel pomeriggio metterà a confronto Comuni, associazioni e mondo del lavoro. L'obiettivo è condividere percorsi di inclusione efficaci per le persone coinvolte, che rappresentino anche una ricchezza per le comunità locali.

L'evento è organizzato da Anci Toscana in collaborazione con Regione Toscana, Anci Nazionale, Servizio Centrale Sai, Comune di Empoli, Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa, Oxfam Italia Intercultura, CoeSo Empoli, Misericordia di Empoli e di Certaldo. Ad aprire i lavori saranno Brenda Barnini sindaca di Empoli, Stefano Ciuoffo assessore regionale all’Immigrazione e Alessandra Nardini assessora regionale a Formazione e Lavoro; mentre  le conclusioni saranno di Matteo Biffoni, sindaco di Prato, presidente Anci Toscana e delegato nazionale Anci all’Immigrazione, che più volte ha sollecitato un ampliamnto della rete Sai, in particolare per i minori non accompagnati.

La prima sessione di approfondimento sarà sui temi dell'accoglienza e delle opportunità del Sistema Sai; poi il racconto delle buone pratiche con i rappresentanti di Comuni e soggetti del terzo settore di Empoli, Pistoia, Casentino, ma anche ddi Bergamo, Genova e Baselice. La giornata continuerà con i workshop per condividere strumenti ed opportunità, cercando risposte efficaci sulle prassi più utili ed efficaci sia per la governance pubblica, sia per il coinvolgimento del sistema del mondo del lavoro.


Fonte: Anci Toscana