Eccidio del Padule di Fucecchio, il Comune di Empoli ha partecipato alle celebrazioni

A rappresentare l’amministrazione, l’assessore comunale Adolfo Bellucci

.

EMPOLI – L’Eccidio del Padule di Fucecchio di settantanove anni fa, una delle stragi più terribili della seconda guerra mondiale per mano nazi-fascista, non potrà mai essere dimenticato. Il 23 agosto 1944 la ferocia dell’esercito tedesco in ritirata, uccise 175 civili. Bambini, giovani madri, anziani infermi, uomini inermi.  In pochi riuscirono a salvarsi.

Nei giorni di martedì 22 e mercoledì 23 agosto 2023 si sono svolte le celebrazioni organizzate dal Comune di Fucecchio a cui ha partecipato, tra gli altri, anche il Comune di Empoli con il Gonfalone civico. A rappresentare l’amministrazione, l’assessore comunale Adolfo Bellucci.

«Una cerimonia molto emozionante. Essere presenti significa sottolineare l’importanza di una memoria storica che ci appartiene e che non deve sbiadire, nonostante il passare inesorabile del tempo – ha affermato Bellucci – Le giovani generazioni siano sentinelle attente di conoscenza di quelle atrocità che mai più dovranno accadere».