SOLIDARIETÀ

  • Dal 2008 Mercatale di Empoli - 15 produttori
  • Promuovere il certificato di qualità Empoli Food 2030 Entro 2030
  • Tutela della biodiversità
  • Valorizzare l’esperienza dei gas
  • Acquistare a km zero
  • Valorizzare i prodotti del territorio

.

  • Zero sprechi - 12 soggetti coinvolti
  • Food bag consegnate nelle scuole - 500 bag
  • Tracciamento informatico dei pasti speciali - 15 scuole
  • Nuova APP per il monitoraggio mense, entro 2030
  • Recupero cibo per le associazioni animaliste
  • Donare il cibo invenduto a fine giornata
  • Food Bag per i ristoranti della città, entro 2030

.

  • Mensa scolastica - 373664 pasti nel 2021
  • Sportello del nutrizionista - 1726 visualizzazioni
  • Coordinatore ristorazione scolastica
  • Commissione mensa
  • Incontri: educazione alimentare nelle scuole
  • La nutrizionista incontra i cittadini e la mensa
  • Welfare aziendale
  • Orti sociali - 40 orti

.

  • Emporio Solidale Empoli - 300 famiglie
  • Botteghina della solidarietà - 300 famiglie
  • Pasto a domicilio - 4828 pasti nel 2021
  • Mense della solidarietà
  • Collaborazione tra mensa e terzo settore
  • Pranzo insieme
  • Spesa a casa - 1380 spese nel 2021
  • Fontanelli acqua - 5 fontanelli

.Una politica urbana del cibo.

“Empoli Food2030’ è un progetto nato all’interno del Distretto dell’Economia Civile.

Garantire cibo sano per tutti, lottare contro lo spreco di cibo, educare a una sana alimentazione, rafforzare la tradizione e la cultura del cibo locale.

.

Dalla collaborazione fra Comune di Empoli, Servizio Sociale della SDS Empolese Valdarno Valdelsa e le associazioni del territorio, che ogni giorno si prendono cura di chi ha bisogno, nasce l’Emporo Soldiale.

DI COSA SI TRATTA

Ucraina, arrivate a Empoli le prime famiglie ospitate dalla Misericordia. Ad accoglierle anche il Sindaco Brenda Barnini

EMPOLI - Sono partiti da Kiev e hanno percorso migliaia di chilometri, attraversato più nazioni, per giorni e giorni, fino ad arrivare a Empoli. Si conclude nella città toscana il viaggio in fuga dall’Ucraina, colpita dalla guerra, di due nuclei familiari: uno composto da mamma e figlio sedicenne, l’altro da mamma, suocera e i due figli di tre e dodici anni. I mariti, raccontano, sono rimasti a Kiev.